Documenti & News

AREA RISERAVATA  ACCEDI

La filosofia del carattere: dalle passioni alle virtù

Scuola di Gestalt Counselling 2019

 

Abbiamo costituito un team di docenti  di sicuro profilo internazionale. Tutti i relatori  sono vere Eccellenze nelle loro specifiche materie.  Il percorso si propone di fornire strumenti di analisi, consapevolezza e lettura delle nuove problematiche emotive e affettive che vivono gli individui nell’epoca attuale, un’epoca contraddistinta dal disincanto e dalla razionalità calcolante.

Il lavoro di Gestalt Counselling che proponiamo, pone al centro le “passioni dell’anima”, come catalizzatori emotivi che, da una parte limitano il nostro orizzonte di coscienza, e dall’altra possono diventare un elemento di sfida e sviluppo delle nostre potenzialità, permettendoci di sentirci veri, vivi e vitali,capaci di intraprendere una nuova narrazione di sé.

 

area download

per scaricare la brochure

per scaricare il programma completo

per scaricare il modulo d’iscrizione Scuola di Gestalt Counselling 2019

 

RESIDENZIALE 2018 – ISTITUTO GESTALT BRESCIA

 

Quando ci imbattiamo in relazioni fallimentari spesso ci sentiamo frustrati senza capire davvero cosa sia successo. Osservare come mi metto in relazione, cosa faccio, come reagisco, cosa voglio e cosa sono disposto a dare può essere una fonte di apprendimento e potenziamento dell’intelligenza sociale. Il nostro residenziale vuole essere un luogo in cui esplorare le relazioni più importanti della nostra esistenza lavorando sul proprio carattere e sulle proprie modalità di relazione in un contesto ristretto e sicuro come il gruppo sperimentando nuove strategie, nuove risorse, nuove modalità di interazione con le persone che amiamo e che incontriamo nella nostra vita.

……per saperne di più….pagina1 e pagina2

Weekend di psicoterapia individuale e di coppia.

3/4 ottobre c/o istituto gestalt Brescia
Workshop: Psicotetapia individuale e di coppia
Con i mediatori artistici.
Conduce: dott Oliviero Rossi
Direttore della scuola di specializzazione in psicoterapia IPGE.

Workshop: Psicotetapia individuale e di coppia
Con i mediatori artistici.
Conduce: dott Oliviero Rossi
Direttore della scuola di specializzazione in psicoterapia IPGE.

Videoterapia per Le coppie.

Un weekend di lavoro per psicologi psicoterapeuti e operatori alla relazione d’aiuto.
Per approfondire, attraverso l’ausilio di nuovi strumenti di intervento come la foto e video terapia, il lavoro con le coppie.
L’incontro si propone di potenziare la consapevolezza delle modalità relazionali disfunzionali al fine di sviluppare le risorse atte a superarle.

La foto e la videoterapia sono potenti attivatori percettivi dell’attenzione, strumento principe per attivare la possibilità di cambiamento dei propri stili comportamentali relazionali

IMG_3525.JPG

La Dieta Antinfiammatoria:

Il consumo di frutta e verdura è stato messo in relazione con la riduzione della morbilità e della mortalità a causa di malattie cronico-degenerative. Non è ancora chiaro come i costituenti della dieta siano responsabili di questo associazione, ma sembra che gli antiossidanti giochino un ruolo maggiore nello svolgere questo effetto protettivo[1]. Il quantitativo di un singolo antiossidante (es. la vitamina E o Tocoferolo, la vitamina C o acido ascorbico, etc.) contenuto da un alimento non riflette necessariamente la sua capacità antiossidante totale (TAC total antioxidant capacity)[2]; questa invece dipende dalla sinergia e le interazioni ossido-riduttive tra le differenti molecole presenti nell’alimento[3].La capacità antiossidante totale (TAC) è la capacità di un alimento antiossidante di pulire i radicali liberi preformati. La TAC è stata suggerita come strumento per indagare gli effetti sulla salute di antiossidanti presenti nella dieta mista, riferendo una correlazione inversa tra la TAC della dieta e i markers di uno stato di infiammazione sistemico (Proteina C Reattiva PCR, e leucociti) [4]. Pertanto, nella stesura della dieta antinfiammatoria le tabelle di composizione degli alimenti non sono uno strumento completamente affidabile, in quanto tengono conto soltanto del quantitativo della singola molecola avente potere antiossidante, senza tener presente la sinergia e l’interazione che si viene a creare tra le altre sostanze contenute nell’alimento, aventi o meno anche loro potere antiossidante. A risolvere questa limitazione, ci vengono in aiuto molti studi, mondiali e italiani, che si sono occupati di valutare, attraverso metodiche validate, la TAC (total antioxidant capacity) dei singoli alimenti. Così, negli ultimi anni, si è affermato il concetto di dieta antiinfiammatoria quale regime alimentare in grado di contrastare i processi infiammatori e lo stress ossidativo che caratterizza molte patologie cronico-degenerative come il diabete, le malattie cardiovascolari, etc., ma anche l’attività fisica intensa e gli infortuni muscolo-tendinei legati allo sport.

Fonti:
[1] Pellegrini N., Serafini M, Colombi B., et al. “Total Antioxidant Capacity of Plant Foods, Beverages and Oils Consumed in Italy Assessed by Three Different In Vitro Assays”. J Nutr. 2003, 133:2812-2819.
[2] La Vecchia, C., Altieri, A. & Tavani, A. (2001) “Vegetables, fruit, antioxidants and cancer: a review of Italian studies”. Eur. J. Nutr. 40: 261-267.
[3] Pellegrini N., Serafini M, Colombi B., et al. “Total Antioxidant Capacity of Plant Foods, Beverages and Oils Consumed in Italy Assessed by Three Different In Vitro Assays”. J Nutr. 2003, 133:2812-2819.
[4] Brighenti F, Valtuena S, Pellegrini N, et al. “Total antioxidant capacity of the diet is inversely and independently related to plasma concentration of high-sensitivity C-reactive protein in adult Italian subjects.” Br J Nutr 2005;93:619 -25.

Video – Eneagrama (Claudio Naranjo)

Eneagrama (Claudio Naranjo), seguono 3 video. Buona visione!

 

 

Video – Intervista arte terapia Paolo Quattrini

Intervista arte terapia di Paolo Quattrini, seguono 3 video. Buona visione!

 

 

Video – Sergio Mazzei parla su i sogni

Sergio Mazzei parla su i sogni, seguono 3 video. Buona visione!

 

 

Di cosa si occupa la Gestalt

Scuola di pensiero

La Gestalt  non si occupa solo di terapia, o forse non se ne occupa proprio… In realtà, come diceva il suo fondatore F. Perls, il metodo è troppo buono per riservarlo esclusivamente ai malati. Certo, è diverso dagli altri, in modo sostanziale; specie per la visione della persona, realmente olistica (un tutto di corpo, cuore, mente, connesso all’ambiente), per la valorizzazione del diritto alla differenza, per l’affiancamento al concetto di terapia di quello di sviluppo personale, ma forse soprattutto per interessarsi molto poco della spiegazione dei comportamenti o di definizioni della normalità o della salute (come fa ad esempio gran parte della psicoanalisi, basata sull’interpretazione, una forma di spiegazione del comportamento), e molto di ciò che le persone sentono soggettivamente (ad esempio un doloroso vuoto anche quando hanno tutto ciò di cui hanno bisogno) e fanno (d’accordo, questo è ciò che ti succede; e tu cosa scegli di farne?).

Alcune parole chiave

Esperienza: Fare qualcosa, anche solo immaginando, è sostanzialmente diverso dal parlarne. Avere un libro su Parigi non è camminare di sera lungo la Senna. La mappa è diversa dal territorio. Il nocciolo del processo è entrare nell’esperienza, in modo diverso da come si fa nella vita di tutti i giorni, in un ambiente protetto che consenta di sperimentare nuove strade, in concreto. Poi la sperimentazione può proseguire fuori, nel mondo. Consapevolezza: Non siamo completamente padroni in casa nostra, se casa nostra è la nostra mente.

Anzi, spesso di ciò che succede dentro ne sappiamo pochino. Non tanto perché è inconscio, quanto perché siamo abituati a mettere sempre in figura alcune cose e lasciare sempre sullo sfondo altre. Sperimentare nuovi punti di vista permette di scendere gradualmente (“pelando la cipolla”) verso il profondo, ed essere sempre più liberi nelle scelte e sempre più aderenti ai nostri bisogni reali piuttosto che a fantasie o bisogni di qualcun altro.

Responsabilità: Questa parola va scorporata dal concetto di colpa: in Gestalt responsabilità si intende come response – ability, capacità di rispondere in modo efficace e rispondente ai propri bisogni agli eventi della vita. In ogni momento siamo obbligati a decidere per noi, e non possiamo delegare a nessuno quest’onere e questo onore.

Epochè: Ossia, sospensione del giudizio. Un buon terapeuta in Gestalt non giudica, fa un altro mestiere; ascolta i fatti dal punto di vista della persona, la aiuta a vedere i conflitti personali, e poi la accompagna a decidere per sé, creativamente, responsabilmente e in piena autonomia.

Relazione: Il terapeuta in Gestalt non è neutrale, passivo o asettico. Anzi, visto che la neutralità è impossibile, è attivamente coinvolto nel processo, si spende, può esprimere i suoi vissuti e interagisce con la persona in molti modi. E’ proprio la relazione tra persone il contenitore all’interno del quale può esserci un processo di sviluppo.

Fenomenologia: In breve, significa fare i conti con quello che c’è, con i fenomeni appunto. La pura e semplice descrizione degli eventi, i pensieri, le emozioni, le sensazioni. Se questo lavoro è accurato, spiegare il perché può essere superfluo.

Esistenzialismo: Non possiamo decidere quello che ci succede o succederà, e abbiamo ben poche certezze. Non possiamo decidere per gli altri, o cambiarli a nostro piacimento: non nel senso che è poco etico, ma nel senso che è impossibile, come ben sanno tutti i mariti e le mogli. Possiamo solo decidere per noi, e siamo obbligati a decidere, sempre: non decidere è una decisione. Come diceva Jean Paul

Sartre, non ha tanta importanza quello che gli altri ci fanno, ma quello che noi facciamo con quello che gli altri ci fanno.

Qui e ora: Ciò che conta è soprattutto la situazione concreta. Come va qui e oggi. Questo non significa, come molti conoscitori superficiali della Gestalt pensano, che non c’è mai un interesse alla storia della persona. Solo, questo interesse per il passato (lì e allora) è sviluppato solo in quanto quella storia è ancora presente in parole, pensieri, emozioni, punti di vista (qui e ora).

Polarità: Più che essere uno, siamo molti in uno. Abbiamo molti bisogni, spesso non conciliabili tra loro.

Vogliamo avere tempo e avere soldi, mangiare dolci ed essere magri, progettare e vivere alla giornata…ma siamo anche un capo di queste molte persone in una: e come capo, possiamo scegliere se essere un dittatore intransigente, e accontentare sempre e solo una parte (garantendoci una vita poco soddisfacente e aumentando di molto le possibilità di ammalarci, psichicamente e non), oppure imparare gradualmente a essere più democratici e illuminati, e venire incontro alle esigenze di tutti i nostri molti “me stesso”.

1.1.2 L’esperienza

Ma, come detto, la Gestalt è soprattutto un’esperienza. Non credo di avere i mezzi espressivi per rendere la mia prima esperienza di Gestalt da “paziente”, con Paolo Quattrini, diversi anni fa. In realtà, molte esperienze in una. La restituzione di una visione  del problema completamente diversa dalla mia, ma altrettanto plausibile; un’accoglienza fatta di forza, ma anche di un rispetto talmente profondo da sembrare impossibile; una guida solida nel primo dialogo tra me e me, con la “sedia calda”, che ha continuato a lavorarmi dentro per i tre anni seguenti. E molto altro.

So what?

“Se ti assumi la responsabilità di quello che stai facendo, del modo in cui produci i tuoi sintomi, del modo in cui produci la tua malattia, del modo in cui produci la tua esistenza ‐ al momento stesso in cui entri in contatto con te stesso ‐ allora ha inizio la crescita, ha inizio l’integrazione.”

“Sarò con te. Sarò con te con il mio interesse, la mia noia, la mia pazienza, la mia rabbia, la mia disponibilità. Sarò con te […] ma non ti posso aiutare. Sarò con te. Tu farai quello che riterrai necessario.”

“La consapevolezza di per sé può essere curativa. Dato che con una piena consapevolezza si diventa autoconsapevoli dell’autoregolazione dell’organismo, si può lasciare che l’organismo prenda in mano la situazione senza interferire, senza interrompere: della saggezza dell’organismo ci si può fidare. Di contro a questo atteggiamento troviamo l’intera patologia dell’auto‐manipolazione, del controllo ambientale e via dicendo, che interferisce con i sottili meccanismi dell’autoregolazione organismica.”

Cos’è la Gestalt

Con i termini psicologia della Gestaltpsicologia della formaGestalttheorieGestaltpsychologieo semplicemente “la Gestalt”, si intende quel corpo di affermazioni teoriche e impostazioni metodologiche che si sono sviluppate a partire dai lavori di M. Wertheimer (1880-1943), W. Köhler (1886-1941) e K. Koffka (1887-1927).

La Gestalt è una corrente di pensiero psicologico nata e sviluppatasi in Europa, benché, per vicende personali dei suoi esponenti, in un secondo momento sia venuta a contatto con la psicologia americana.

Radici filosofiche: Kant(concetto di sintesi a priori: atto di conoscere attivitàunitaria e unificante in cui la materia fornita dai sensi viene organizzata secondo forme proprie della mente); Brentano (“psicologia dell’atto”, oggetto della psicologia atti psichici intenzionali).

Radici psicologiche: risposta tedesca alla psicologia di Wundt.

Wundt riesce a rendere “scientifica”la psicologia attraverso un metodo molto simile a quello della chimica: scomporre ogni fenomeno nei suoi aspetti elementari per ottenere unitàsemplici non ulteriormente riducibili. I gestaltisti rifiutano completamente questa impostazione e i metodi che da essa derivano: tra i temi distintivi della loro teoria è possibile riconoscere un radicale antielementismo.

Influenza diretta e ufficialmente riconosciuta di von Erhrenfels, pensatore austriaco autore di uno scritto (1890) in cui venivano poste in rilievo quelle che verranno in seguito chiamate “qualità gestalt”o “qualità von Erhrenfels”.

Qualità von Erhrenfels Se si prende in considerazione, ad es., una melodia, èinnegabile che essa sia costituita da parti, le singole note che la compongono. Il risultato finale però non è la somma delle parti: la melodia ha caratteristiche diverse da quelle delle singole note. La qualitàpropria della melodia èuna qualità-gestalt. Ed èa tal punto indipendente dalle qualità delle singole parti che possiamo ricreare la stessa melodia sia eseguendola con strumenti diversi(le note saranno differenti nel timbro), sia addirittura trasportandola di tonalità e mutando quindi totalmente le note-elementi che la formano (principio della trasponibilitàdi una Gestalt). La qualità-gestalt, cioèla qualitàpropria del tutto, non è data quindi dagli elementi, ma dalle relazioniche intercorrono tra essi e dal loro ruolo all’interno del tutto, dunque dalla struttura della Gestalt.

“Il tutto è più della somma delle parti”: affermazione utilizzata come etichetta distintiva per la psicologia della Gestalt. Primo importante passo teorico. Stadio successivo: determinare le leggi non arbitrarie secondo le quali gli elementi vanno a formare un tutto. Passo più determinante: -una stessa parte ha caratteristiche diverse se presa singolarmente o inserita nel tutto; -una stessa parte, inserita in due diverse totalità può assumere caratteristiche diverse. eliminando una parte da un tutto o modificando il ruolo di una parte nel tutto, si modifica il tutto

Rovesciamento di prospettiva: il modo di rapportarsi all’esperienza non parte dal basso, dall’analisi che frammenta, ma si propone di considerare entità globali aventi una loro intrinseca organizzazione: il termine stesso Gestalt vuole indicare questo concetto di unità avente una sua propria forma.

Anche se sorta prevalentemente su materiale collegato alla percezione, la psicologia della Gestalt elabora un impianto teorico che si estende fino a coprire l’intera gamma degli aspetti cognitivi.